Annalisa Marchionna

La regina del Platani - The Queen of Platani river

Liolà è al riparo tra le canne in riva al Platani. La barca la trovi solo quando sposti le ultime piante, ben nascosta,
lontana da sguardi indiscreti.
I remi li devi portare ogni volta da casa.
È qui che Lina viene a gettare le sue reti, nella foce del fiume Platani, a pochi metri dal mare.
La rassicurano le acque placide del fiume che si allarga e perde la sua energia prima di sfociare.
«Il fiume è un luogo intimo che ti lascia vagare sui tuoi pensieri. Ti culla, ti abbraccia, non ti tradisce. Col mare devi stare sempre all’erta, lui è forte e te lo ripete ogni momento: stai attenta, non ti distrarre, qua vinco io… il fiume invece ti accoglie nelle sue acque placide.
Ecco, è un luogo del pensiero il fiume…».
E mentre te lo racconta Lina allarga le braccia, a mimare quell’abbraccio che il fiume le fa sentire ogni volta.
Questa bella pescatrice siciliana di 50 anni è proprio come il suo fiume, accogliente sempre, tranne quando arriva la piena: «allora il fiume c’ha i cazzi, meglio che lo lasci stare». O forse no, forse è come quel mare che ha a due passi da casa sua, quel mare tempestoso, sempre agitato, burrascoso, che di notte invade il tuo sonno e ti fa respirare col suo ritmo.
Lina è così, vulcanica. Non sta mai ferma, né col corpo né con la testa. La sua casa in riva al Platani è l’ombelico del mondo: puoi non uscire per settimane, tanto tutto il mondo passerà di qua.
O meglio, tutto il mondo ci verrà di proposito, perché in questo posto lontano e isolato non ci capiti per sbaglio.
Una volta arrivati è difficile ripartire. La tavola ha posto per tutti, quando si è in pochi si sfiora la decina, ma si può arrivare a tanti, tanti in più se l’occasione è speciale. E lo è stata per il compleanno di Lina. Complice il marito Emanuele, sono arrivati amici da mezza Europa per festeggiarla, e la pescatrice si è trasformata nella locandiera, pronta a sfornare prelibatezze per quasi cento persone.
Lina non pesca per mestiere, ma per passione e per tradizione. Il suo legame con il fiume Platani viene da lontano, da quando suo padre costruì tutta la storia della sua famiglia grazie alle sue sponde. Pescatore, ha acquistato la terra su cui ora sorge la casa di Lina grazie al pesce venduto nei borghi a monte.
Lina è legata a doppio filo a questo posto. La casa sul Platani rappresenta le sue origini e la sua pace. Il suo più grande sogno è di potervisi ritirare definitivamente, abbandonando la vita che conduce nel borgo in alto, dove sei mesi l’anno vive e lavora come fisioterapista.
Siciliana atipica, ha un carattere fortissimo e uno spirito di ribellione innato, che esterna con decisione anche nella scelta dei propri spazi, compreso quello della pesca. Non è difficile immaginare il vociar di popolo su di lei 30 anni fa, quando sola si trasferiva nella casa sul Platani e passava le notti a pescare…
Grazie alla fermezza con cui ha portato avanti la sua vita e le sue scelte, alla sua accoglienza, alla bellezza del posto dove vive e che ama condividere con chi passa di lì, all’indiscutibile autorità che rappresenta per chiunque conosca il fiume Platani, Lina oggi è “La regina del Platani”

English
The Queen of the Platani river

Liolà is hidden among the canes along the banks of the Platani river. One would find the boat only by moving aside the farthest plants, which hide it and protect it from prying eyes.
You must bring the oars from home every time.
Here is where Lina comes and casts her nets, in the mouth of the Platani, just a few meters away from the sea.
The calm waters of the river, that widens and looses its energy before flowing into the sea, reassure her.
“The river is an intimate place where you can let your thoughts run loose. It rocks you and cuddles you and does not betray you. One always ought to watch out for the sea; it is powerful and reminds you about its power all the time: be careful, don’t get distracted, I am the one ruling here… The river instead welcomes you with its calm waters.
A place for the mind, that’s what the river is…”
Lina spreads out her arms while talking, as to mime that embrace the river gives her every time.
This gorgeous 50 years old Sicilian fisherwoman is exactly like her river, always welcoming, except when the flood arrives: “then the river is pissed off, you’d better stay away.” Or maybe the river is just like that sea so close to her place, stormy, rough, flooding your sleep and making you breath at its own rhythm.
Lina is like this, she has a volcanic temper. She never stands still, neither with her body nor with her mind. Her place on the Platani bank is the navel of the world: you could spend weeks there without going out, the world will come this way anyway. Better said, the world will come by on purpose, because one does not find this remote and secluded spot by accident.
But once you get there, it’s hard to leave. There is place for everybody at Lina’s table, that would be, like, ten people on normal days but the number can increase on special occasions. As on Lina’s birthdays for example. Emanuele, her husband, secretly arranged a party for her, with friends arriving from half of Europe. On that occasion Lina turned from fisherwoman to perfect host, able to prepare delicious food for almost a hundred guests.
Lina is not a fisherwoman by profession, she has been fishing her whole life out of passion and tradition. Her bond to the Platani river starts with her father, he himself a fisherman, who could buy the land where Lina’s house is standing thanks to the fish he caught and then sold in the small inland villages.
Lina is closely tied to this place. The house on the Platani banks represents her roots and her peace of mind. Her biggest dream is to live there definitively and to quit the village uphill where she usually spends six months a year working as a physiotherapist.
One could say that this Sicilian woman is quite atypical for that strong character of her and the innate spirit of rebellion that she fiercely shows in defending her own spaces, fishing included. It is not hard to imagine what the folks must have talked about her when, thirty years ago, she moved alone to her house on the banks of the Platani river and spent her nights there, fishing…
Today, the firmness she applied in managing her life and defending her choices along with her hospitality, the beauty of this place, where she lives and welcomes her friends, as well as the unquestionable authority she represents to anybody gravitating around this river make of Lina “the Queen of Platani”.

1 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina a pesca con il rezzaglio, l'antica rete di pesca che si apre lanciandola in aria. Il padre era un lanciatore esperto e le ha trasmesso questa passione. Nonostante Lina preferisca pescare nella foce del fiume, non disdegna qualche lancio con il rezzaglio in mare.

Engl: Lina fishing with the “rezzaglio”, the ancient fishing net that opens by throwing it into the air. Her father was an experienced caster and this passion is his legacy to Lina. Although Lina prefers to fish in the mouth of the river, from time to time she does not despise to cast her rezzaglio in the sea water.
2 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina attraversa il canneto per raggiungere la sua barca, Liolà, ormeggiata sulle sponde del fiume Platani e ben nascosta nelle canne. Se non se ne conosce la posizione esatta è impossibile trovarla tra questa fitta vegetazione. Questo canneto è il suo luogo segreto, le ricorda i giochi a nascondino dei bambini. Per Lina il fiume e la barca sono il suo rifugio personale, la dimensione che cerca costantemente.

Engl: Lina crossing the cane thicket to reach her boat, Liolà, moored on the banks of the Platani River and well hidden among the canes. If you do not know its exact location, it is impossible to find Liolà between this dense vegetation. This cane thicket is Lina’s secret place, it reminds her of children's hide-and-seek games. For Lina, the river and the boat are her personal retreat, the personal dimension she constantly seeks.
3 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina lega la rete da pesca alle canne da una sponda all'altra del fiume Platani. Le reti verranno ritirate la mattina dopo. «Il fiume è un luogo intimo che ti lascia vagare sui tuoi pensieri. Ti culla, ti abbraccia, non ti tradisce. Col mare devi stare sempre all’erta, lui è forte e te lo ripete ogni momento: stai attenta, non ti distrarre, qua vinco io… il fiume invece ti accoglie nelle sue acque placide.
Ecco, è un luogo del pensiero il fiume…», sussurra Lina.

Engl: Lina ties the fishing net to the vegetation on the opposite sites of the Platani river.
The nets will be withdrawn the next morning. “The river is an intimate place where you can let your thoughts run loose. It rocks you and cuddles you and does not betray you. One always ought to watch out for the sea; it is powerful and reminds you about its power all the time: be careful, don’t get distracted, I am the one ruling here… The river instead welcomes you with its calm waters.
A place for the mind, that’s what the river is…”

4 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina non è una semplice pescatrice. Casa sua è conosciuta da tutti gli amici come un posto dove poter sempre andare. Fulcro della casa la cucina, dove Lina regna sovrana, e da dove prepara pranzie e cene luculliane per tutti.

Engl: Lina is not a simple fisherwoman. Her house is known by all her friends as a place where one can always go. The fulcrum of the house is the kitchen, where Lina reigns, and where she prepares sumptuous lunches and dinners for all.
5 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Nonostante il lavoro da fisioterapista la porti a trascorrere molto tempo nella "vita civile" Lina appena può torna alla casa che suo padre ha costruito vicino la foce del Platani. Qui la vita è semplice, fatta di un contatto diretto con la natura. Emanuele, suo marito, è un grande appassionato di galline, e in questa foto Lina le sfama con gli avanzi di casa

Engl: Even if her work as a physiotherapist forces her to spend a lot of time in “civil life”, as soon as she can, she returns to her father’s house near the mouth of the Platani. Here life is simple, made of direct contact with nature. Emanuele, her husband, is a great fan of chickens, and in this photo Lina feeds them with leftovers from her kitchen.
6 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Il trono e la corona sull'albero de "La regina del Platani". Lina si è guadagnata questo appellativo per il suo carattere vulcanico, per aver saputo trasformare la riserva del Platani in un posto dove la porta è aperta a tutti. Questo è il reame di Lina.

Engl: The throne and the crown on the tree of "The Queen of the Platani". Lina has earned this title because of her volcanic character and for having been able to turn the Platani reserve into a place where the door is open to everybody. This is Lina’s realm.
7 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina a cena con amici di sempre. Questa bella pescatrice siciliana di 50 anni è proprio come il suo fiume, il Platani, accogliente sempre, tranne quando arriva la piena: «allora il fiume c’ha i cazzi, meglio che lo lasci stare», scherza Lina. O forse no, forse lei è come quel mare che ha a due passi da casa sua, quel mare tempestoso, sempre agitato, burrascoso, che di notte invade il sonno e ti fa respirare col suo ritmo.

Engl: Lina having dinner with old friends. This gorgeous 50 years old Sicilian fisherwoman is exactly like her river, always welcoming, except when the flood arrives: “then the river is pissed off, you’d better stay away.” Lina jokes. Or maybe the river is just like that sea so close to her place, stormy, rough, flooding your sleep and making you breath at its own rhythm.
8 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Buon compleanno Lina! Per la sua festa di 50 anni sono arrivate più di 80 persone da ogni angolo d'Italia e d'Europa. Musica, balli, cibo, un ambiente informale e divertente, una festa che è andata avanti da mattina a sera, dove la sola e unica protagonista è sempre stata Lina.

Engl: Happy Birthday Lina! For her fiftieth birthday, more than 80 people came from every corner of Italy and Europe. Music, dances, food, an informal and entertaining environment. The party lasted from morning to night, and Lina was always the only protagonist.
9 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
La festa per i 50 anni di Lina è finita, e quasi tutti gli ospiti sono partiti. Lina sfila con la corona de "La regina del Platani" e la sottoveste Victoria Secret che le è stata donata. È un momento per pochi intimi

Engl: Lina's birthday party is over, and almost all guests have left. Lina models wearing the crown of "The Queen of the Platani" and the Victoria Secret underwear that she received as a birthday present. It's a moment for few intimates.
10 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina e Juan, un suo caro amico, chiacchierano serenamente in cucina. Juan ha fatto una sorpresa a Lina, che non lo aspettava per il suo compleanno.

Engl: Lina and Juan, her dear friend, are quietly chatting in the kitchen. Juan made a surprise to Lina, who did not expect him for her birthday.
11 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
La pesca è una questione di famiglia. Dalla morte del papà è la mamma di Lina e suo fratello che si occupano di gestire una pescheria e rivendita di pesce, così non mancano le occasioni per cucinare del buon pescato tra amici e parenti.

Engl: Fishing is a family matter. Since Dad's death, Lina's mother and brother have been managing the family fish shop so there are plenty of opportunities to cook good fish between friends and family.
12 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Il sole tramonta sulla costa siciliana a ridosso della riserva del Platani. Per mantenere integro quel pezzetto di costa e non permettere uno scempio edilizio la famiglia di Lina si è battuta a lungo negli anni. Oggi la Riserva orientata della foce del fiume Platani è un'area protetta.

Engl: The sun is setting on the Sicilian coast, close to the natural reserve of Platani. Lina's family has been fighting for years to keep this bit of coastline intact and to prevent the landscape from being ruined by irresponsible building. Today, the Orientated Natural Reserve of the mouth of the Platani River is a protected area.
13 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Juan, un amico di Lina arrivato da Parigi, la aiuta a provare un vestito. Anche se Lina ama vivere semplicemente nella sua casa sulle rive del Platani, non rinuncia mai alla sua femminilità.

Engl: Juan, a friend of Lina from Paris, helping her to try on a dress. Although Lina loves her simple life in the house on the banks of the Platani, she would never relinquish her femininity.
14 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Per trovare Liolà, la barca di Lina, occorre attraversare una pineta, un frutteto e un canneto. E a complicare le cose bisogna mettere in conto che i remi ogni volta vanno portati da casa. In questo modo Lina è sicura che nessuno prenderà mai la sua amata barca.

Engl:To reach Liolà, Lina’s boat, you need to cross a pine forest, an orchard and a cane thicket. And, to make the situation even more complicated, the oars always have to be taken from home. In this way Lina is sure no one will ever take away her beloved boat.
15 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina guarda il mare davanti a lei. Qui il vento è sempre fortissimo, e il rumore del mare detta il suo ritmo nella notte.

Engl: Lina looks at the sea in front of her. Here the wind is always strong, and sea noise dictates its rhythm in the night.
16 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina pulisce il pesce appena pescato in riva al mare in compagnia del suo amico Maurizio. L'acqua al mattino è gelida, ma Lina non rinuncia a un bagno quando il lavoro è finito.

Engl: Lina cleaning in the sea water the fish that she just caught in the river. Her friend Maurizio is helping her. In the morning the water is still chilly, but Lina does not give up on a bath when the job is over.
17 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Lina in barca con il suo amico Maurizio, là dove il fiume incontra il mare. La bellezza di questi luoghi è superba e selvatica

Engl: Lina aboard with her friend Maurizio, where the river meets the sea. The beauty of these places is superb and wild.
18 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
Il cambiamento climatico e la mano dell'uomo stanno condizionando anche il pesce che vive nella foce del Platani. Fino a qualche anno fa, grazie all'acqua salata del mare che rientrava nel fiume, si trovavano nelle reti tutti pesci di mare. Il fiume platani ha una doppia caratteristica: negli ultimi chilometri del suo corso incontra le rocce di salgemma, e la sua acqua diventa salata. In questo modo i pesci che risalgono la foce sono tipici del mare. Ora le carpe stanno prendendo il sopravvento, distruggendo la fauna locale. Nel cesto i pochi pesci commestibili pescati nella notte.

Engl: Climate change and human hand are also affecting the fish stock of the mouth of the Platani. Until a few years ago, thanks to the sea salty waters that merged with the river waters, one could find sea fish in the nets laid in the river. The Platani river has two features: over the last kilometers of its course it meets the salgemma rocks and its water becomes salty. For this reason, the fish swimming upriver are sea fish. Now carps are taking over and destroying the local fauna. In the basket, the few edible fish caught in the night
19 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
È l'alba, Lina è in barca per ritirare le reti piazzate la notte prima. Si trovano sia piccole carpe, che arrivano dalla parte alta del fiume, che pesce d'acqua salata. La particolarità del Platani sta infatti nell'avere acqua salmastra negli ultimi chilometri del suo corso, grazie alle rocce di salgemma che incontra sul suo cammino

Engl: It is dawn and Lina is aboard to pick up the nets that she laid the night before. There are both small carps arriving from upriver and saltwater fish. The peculiarity of the Platani river is its brackish water along the last kilometers of its course because of the presence of salgemma rocks.

20 / 20 prev / next pause play enlarge slideshow
La valle dove il fiume Platani sfocia al mare. Casa di Lina è vicina all'ansa del fiume, a due passi dal mare. Tutta la valle è ricchissima di pregiati aranceti e uliveti. L'area è compresa nella riserva protetta della foce del fiume Platani, dove si è svolta tanta parte della vita della famiglia di Lina.

Engl: The valley where the river Platani flows into the sea. Lina's house is close to the river bank, just a stone's throw from the sea. The whole valley is rich in precious orange and olive groves. The area is included in the protected reserve of the mouth of the Platani River (Oriented Natural Reserve of Platani), where so much of the history of Lina’s family took place.
loading